PROGETTI ATTUATI - associazione morelli

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROGETTI ATTUATI



Ritornando allo scopo principale per cui l’Associazione è sorta,nell’estate del 2004 ha ospitato con l’ausilio del Comune di Serra S.Quirico, del Comune di Genga, di famiglie disponibili di entrambi i comuni e dei ristoratori della zona ( rist. Francesco, rist.La Cantina, rist. la Scaletta, rist. Maria, rist. Le Grotte e rist .La Torre ), un gruppo di bambini
“Cosiddetti di CERNOBYL “ provenienti dall’orfanatrofio di Bucha , nelle vicinanze di Kiev (Ucraina) , bisognosi di cure, aria e cibo buono, ma soprattutto di tanto affetto e amore per un periodo di due mesi (Luglio/Agosto) e questo progetto è ogni anno proposto, attuato e seguiterà sempre ad essere attuabile.


   


Durante la venuta di questi bambini l’Associazione si è molta prodigata anche per uno dei componenti affinché subisse un intervento plastico al volto a seguito di ferite riportate per il un morso di un cane. Purtroppo nonostante l’impegno di tutti i soci e la squisita disponibilità dell’equipe chirurgica dell’ospedale di Fabriano non è stato ancora possibile attuare il progetto per evidenziate difficoltà psicologiche del ragazzo, tuttavia l’Associazione , al fine di aiutare lo stesso a superare tali problemi, ha chiesto la collaborazione della Caritas di Kiev . Altri interventi sono stati per esempio il soccorso economico erogato ad una famiglia numerosa e bisognosa di Matelica (sei figli), simile aiuto è stato reso disponibile a due coniugi di Genga in stato di disoccupazione e di disperazione poiché la loro piccola bambina ( tre anni ) è affetta da una grave malattia genetica ed ancora è stato rivolto un pensiero natalizio per gli ottantenni del Comune di Genga.
Nel 2006 durante un incontro tenutosi presso la scuola media di Angeli Di Rosora da Suor Rosanna Bucci, missionaria ad Uvira, tra il confine del Congo e del Burundi, la Signora Morelli, insegnante presso codesta scuola, viene contattata da Suor Rosanna per un aiuto alla realizzazione di una scuola, dove lei svolge la sua missione; entusiasta della proposta, ha subito riunito il direttivo dell'Associazione affinchè il progetto venisse realizzato.
Anche i soci, e i simpatizzanti dell'Ass.ne si sono subito attivati sia per il reperimento dei fondi sia per la realizzazione del progetto tantè che un assegno di 1800 euro ricavato dell'annuale sagra del “Mosciolando al Poggio“, è stato consegnato, nel corso di una simpatica serata, in cui erano presenti tutti gli organizzatori della manifestazione, ai rappresentanti dell’Associazione “ Arcobaleno “ , con cui il Poggio e Portonovo intrattiene ormai da tempo vincoli d’amicizia e solidarietà. La somma sarà utilizzata  per contribuire alla costruzione della scuola. In questa , come in altre occasioni, Don Dino Albanesi, parroco di Poggio/Massignano e i suoi collaboratori ( che da tempo animano la vita parrocchiale della frazione del Poggio ) si sono spesi per la buona riuscita dell’iniziativa alla quale hanno contribuito anche la Cooperativa Pescatori di Portonovo, il Consorzio La Baia, Slow Food, Giorgio Potetti per le visite guidate e le aziende agricole Pieri,Polenta,Fiorini ed il salumificio Zola che hanno messo a disposizione i loro prodotti. L’augurio è che la scuola , già in buono stato di realizzazione, possa essere pronta e funzionante il più presto possibile.



Articolo "Corriere Adriatico" del 09/07/2007
Incasso donato all'Associazione "Arcobaleno Gianluca Morellli"
Grazie "Mosciolando"



Finalmente quello che era elencato tra " i progetti futuri " dell'Ass.ne Arcobaleno Gianluca Morelli si può ora considerare una realtà. Ci riferiamo alla realizzazione della scuola elementare" Espoir " ad Uvira iniziata nel 2006. Infatti nell'Agosto del 2008 la nostra referente Suor Rosanna Bucci alla presenza del Vescovo del Burundi e di altre personalità, ha inaugurato la struttura scolasticha che garantirà istruzione ed educazione a circa 600 tra bambini e bambine.Dato che i membri dell'Ass.ne non erano presenti alla manifestazione, Suor Rosanna, con l'invio di filmati e foto, visibili sul sito, ha dato la possibilità a tutti i soci di rivivere l'entusiasmo e la gioia con cui i bambini e le loro famiglie hanno partecipato alla festa.

                                                                                                                                                                                    

         








 


La scuola Espoir è stata dedicata alla memoria di Gianluca, Gabriele, Marco e grazie a loro i bambini di Uvira potranno avere un futuro migliore..Vogliamo concludere riportando le parole di Suor Rosanna " La scuola Espoir non è una scuola di ricchi, ma una scuola ricca di umanità, una scuola che forma il bambino ad essre protagonista del suo futuro, una scuola cattolica aperta alla mondialità, contro ogni tribalismo e spirito di divisione.

 

Un altro considerevole contributo, l'Ass.ne l'ha fornito all'Ospedale Profili di Fabriano,acquistando per il reparto di chirurgia un divaricatore salva vita indispensabile durante le operazioni al cuore. La cerimonia di consegna è avvenuta  nella sala " Sergio Parca " dell'ospedale alla presenza del Vescovo di Fabriano S.E. Mons.Vecerrica, del Sindaco di Fabriano e Genga; quest'ultimo Comune di residenza dell'Ass.ne e del primario di chirurgia Dott. Tobaldi.

 





Attualmente l'Ass.ne è impegnata nella costruzione di una casetta in legno a Pizzoli,comune dell'Aquila.Il progetto è nato nel Luglio del 2009 a Villa Rosa (Te) durante uno spettacolo di beneficenza organizzato a favore dell'Ospedale dell'Aquila distrutto dal terremoto. L'Ass.ne in quella occasione è venuta a conoscenza della necessità, per il reparto oncologico-pediatrico di una struttura da adibire a Day-Hospital in grado di accogliere bambini in attesa di cure chemio-terapiche e figli dei malati oncologici. La realizzazionedi questo progetto non è stata semplice per motivi logistici ma sopratutto burocratici che hanno costretto l'Ass.ne a dilatare i tempi di realizzazione. Ma ecco finalmente i lavori sono quasi conclusi; infatti grazie all'impegno degli Amici del Poggio di Ancona, di Cerreto d'Esi e di Genga, l'Ass.ne spera di consegnare la casetta entro l'anno. La struttura,di 48 mq, sarà così suddivisa: una stanza verrà adibita all'intrattenimento dei bambini che sarà organizzato dai volontari dell'Ass.ne " Aquila nel mondo per l'oncologia ", due stanze saranno adibite per ospitare coloro che, provenedo da altri comuni, hanno la necessità di soggiornare in attesa in attesa di effettuare le cure e di un angolo cottura e due bagni.
Certo sono stati due anni molto impegnativi sia dal punto di vista organizzativo che economico; solo grazie all'aiuto di ognuno di Voi, potremo continuare a realizzare nuovi progetti.

          

    
       
    

Ma alla fine, nel Maggio 2011, la  "Casa Arcobaleno" è stata ufficialmente inaugurata e  donata dall’omonima Associazione al comune abruzzese. La struttura è stata dedicata a Gianluca Morelli, Maurizio Orsetti e al piccolo Mirko tre persone che non vivono più in mezzo a noi, ma nel ricordo e nel cuore di tanti.
All’inaugurazione erano presenti, oltre ai rappresentanti dell’Associazione Arcobaleno di Genga, il sindaco  di Pizzoli Angela D’Andrea, i rappresentanti di varie associazioni  aquilane e tanti amici che hanno contribuito concretamente alla realizzazione del progetto. Prima del tradizionale taglio del nastro, il Parroco del Poggio di Ancona, Don Dino Albanesi, ha impartito la sua benedizione sulla Casa ricordando quante strade si  possono  aprire con  la solidarietà.



                  

   


Ed è sempre lo spirito di solidarietà che ha spinto il nostro caro amico poliziotto Zuccaro Raniero, impegnato nella maratona ciclistica Milano- Milazzo, organizzata al fine di aiutare i bambini del Perù,a trascorrere una notte nella Casa Arcobaleno, proprio a sottolineare come il fine della solidarietà sia uno e unico e che le esperienze vanno condivise sostenendosi e incoraggiandosi a vicenda. Anche in questa occasione ad attendere l’amico Raniero a Pizzoli c'erano il Sindaco D’Andrea e tutto il direttivo dell' Associazione Arcobaleno tra cui il  presidente Giancarlo Morelli che ha ribadito ancora una volta l’importanza del volontariato che oltre ad essere un grande sostegno per quanti sono nel bisogno e nella sofferenza,  è  anche un’esperienza   gratificante e costruttiva  per chi lo compie.




E’ passato più di un mese dalla prima forte scossa di terremoto che ha  colpito le regioni del Nord Italia, ed è ancora emergenza. La terra infatti non smette di tremare e da quel 20 maggio si sono registrate più di 1.500 scosse di varia intensità che hanno messo a dura prova le popolazioni del luogo e reso gli interventi della Protezione Civile  e dei volontari ancora più difficoltosi. Attraverso la televisione  ognuno di noi ha potuto vedere ancora una volta gli effetti catastrofici che accompagnano ogni terremoto: la  distruzione, le tendopoli, la disperazione, la paura, ma in mezzo a questo scenario di rovina e dolore, ognuno di noi è stato testimone, forse anche artefice, di un’Italia che si è mobilita unendosi attorno a chi  aveva bisogno di aiuto. Anche l’Associazione Arcobaleno di Gianluca Morelli di Genga ha sentito il desiderio di dare il proprio contributo e così è partita l’iniziativa “Aiutiamo l ‘Emilia”. Grazie alle informazioni fornite dalla Protezione Civile delle Marche che opera sul campo, i membri dell’Associazione Arcobaleno  hanno steso una lista di generi alimentari e non assolutamente indispensabili per fare fronte alle necessità quotidiane di chi è costretto a vivere in una tendopoli e ne ha organizzato la raccolta presso alcuni supermercati e farmacie (quella del Dr.Giusepuucci, del Piano, del Borgo e di Cerreto D'Esi) di Fabriano e Cerreto D'Esi. La generosità dei Fabrianesi e dei Cerretesi, non si è fatta attendere ed ha permesso di riempire con grande abbondanza un furgone che alle 5 di mattina del giorno 21 Giungno, è partito con destinazione Massa Finalese, un paese in provincia di Modena dove la Protezione Civile Marchigiana ha allestito una grande tendopoli che ospita più di 300 persone. L’accoglienza è stata davvero calorosa e ci ha confermato la vera e assoluta necessità che hanno queste persone  non solo di ciò che stavamo per lasciare loro, ma anche e soprattutto della vicinanza e della solidarietà degli altri. Abbiamo avuto modo di parlare a lungo  con gli operatori della Protezione Civile che, oltre a chiederci di portare i loro  più sentiti  ringraziamenti a quanti hanno contribuito alla raccolta, ci  hanno raccontato il profondo disagio e la grande sofferenza  vissuti dalle persone ospitate nelle tendopoli, disagio che si va sempre più acuendo man mano che passa il tempo e che il caldo imperversa. Le necessità  ovviamente sono molteplici, sopratutto ci hanno segnalato il bisogno assoluto di disinfettanti, prodotti per l’igiene, integratori di sali minerali e antizanzare, tutti prodotti volti ad arginare le conseguenze del terribile caldo che ormai da giorni si fa sentire pesantemente. Anche il Sindaco del paese ha voluto porgere ai membri dell’Associazione il suo personale saluto ricevendoci nel Palazzo Comunale e donando all’Associazione  una targa di ringraziamento. Siamo tornati a casa a notte fonda stanchi ma soddisfatti e soprattutto grati verso tutti coloro che hanno reso possibile con la loro generosità questa iniziativa.
 



Anche quest'anno, come accade ormai da tempo,gli "Amici del Poggio" hanno donato all'Associazione parte del ricavato della "Sagra del Mosciolo di Porto Novo! che si tiene ogni anno nel mese di Giugno. La donazione è servita a rendere più accogliente la "Casa Arcobaleno" sita nel comune di Pizzoli (AQ) con l'aquisto di una lavatrice e di un forno a micronde per dare la possibilità agli ospiti della "Casa" un soggiorno più confortevole.
Grazie "Amici del Poggio".

                                              
    

Domenica 14 aprile presso l’Oratorio della Carità di Fabriano, alla presenza del sindaco Sagramola , del dirigente scolastico Procaccini, degli alunni della scuola elementare "Allegretto" il Sig. Davide Bergamo, in qualità dei rappresentante dei genitori,  ha illustrato la nuova aula computer che a breve verrà ufficialmente inaugurata e messa a disposizione della scolaresca. Nell’aula completamente ristrutturata sono state organizzate 15 postazioni  provviste di computer che consentiranno ai giovani studenti di avvicinarsi al mondo dell’informatica.
Anche questa volta l’Associazione Arcobaleno Gianluca Morelli ha voluto partecipare all’iniziativa contribuendo all’acquisto di 24 sedie da ufficio  e di un banco antropometrico utilizzabile da persone diversamente abili. Al termine della presentazione il Sig Bergamo ha invitato alcuni ragazzi a consegnare una targa ricordo a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’aula informatica.

   





L'innaugurazione dell'aula è avvenuta ad Ottobre alla presenza del sindaco Sagramola, del Dirigente scolastico Sig. Procaccini della scuola elementate "Allegretto" e di tutti coloro che generosamente hanno donato materiale al fine di rendere attuabile il progetto.
Erano presenti anche tutti i bambini della scuola che, riunitisi nella palestra hanno voluto ringraziare con una cerimonia che ha commosso tutti i presenti. L'avvenimento, nella semplicità dei suoi atti, ha una volta di più fatto riflettere sulla bellezza del donare disinteressato, come probabilmente l'esperienza più bella che l'uomo può fare in questa vita, soprattutto quando i beneficiari sono dei bambini.

                           
    




E' tempo di Natale, un tempo in cui il nostro pensiero concepisce il piacere di donare qualcosa a chi ci è caro. E questo è stato l'obbiettivo dell'Ass.ne "Arcobaleno Gianluca Morelli" che ha voluto rivolgere un pensiero ai degenti del reparto di medicina interna U.O.C. del nosocomio fabrianese e al personale medico e infermieristico che ne cura l'assistenza.
In fatti nella mattinata del 23 Dicembre si è svolta la consegna di 11 cuscini per patologie ortopediche ed antidecubito per i pazienti e di 40 panettoni al persone infermieristico, entrambi dono dell'Associazione.
Erano presenti: Dr. Candela, primario del reparto, Dr. Onesta, Dr. Troncanetti ed una rappresentanza di infermieri; per l'Associazione: il presidente Sig. Morelli, la consorte Sig.ra Zoraide e i due figli Sergio ed Irina. La cerimonia è stata aperta da Don Luigi Monti, vicario della diocesi e parroco della chiesa di Santa Maria della Misericordia, che ha rivolto ai presenti un breve discorso incentrato su dei concetti sui quali ultimamente ha posto l'accento Papa Francesco cioè il mettersi al servizio del prossimo senza dimenticare che la vita è anche dono e servizio di se stessi e servizio che si offre agli altri.
Alle parole di Don Luigi ha fatto eco il Dr. Candela, ringraziando l'Associazione per la donazione, sottolineando che anche un piccolo gesto di generosità può contribuire a dare conforto a chi è sofferente. Ha preso poi la parola il presidente dell'Associazione che, nel consegnare i cuscin,i ha ringraziato i vari operatori del reparto per il lavoro che svolgono in favore dei malati e ribadendo il piacere di avere indirizzato verso l'ospedale una loro piccola circoscritta, ma simbolicamente importante iniziativa.
A ricordo di tale donazione  è stata affissa all'ingresso del reparto di medicina una targa ricordo dell'evento.


              
           


    
            


                                                      




  





Torna ai contenuti | Torna al menu